Ciao Frank!

Ovvero quando i ricordi sono divertenti

L'amore è come la fascia di ozono! Ti accorgi di lui solo quando non c'è più! (Frank Drebin)

Nei prossimi giorni mi dovrò recare a Fort Lauderdale, Florìda, è morto un mio vecchio amico: Frank Drebin. Frank era un matto. Non piaceva a molti, troppo idiota, ma sapeva raccontare delle storie assurde in una maniera fantastica e da farti sbellicare dalle risate. Ricordo le serate passate insieme negli anni ’90 dove, grazie a lui, ho cominciato ad apprezzare il non sense, la parodia, e lo facevo ridendo come un matto, come un matto. Lui mi raccontava di come avrebbe difeso l’Ammerica da Gheddafi e Saddam, storie assurde e senza senso, di come ha tentato di cancellare una voglia (con una piallatrice, con una piallatrice!!!!!) dalla chiappa di un ricercatore nel campo delle energie rinnovabili perchè convinto che la lobby del petrolio lo avesse sostitito con un sosia. E io ridevo. Di come avrebbe ucciso 5 attori perchè in un parco recitavano il Giulio Cesare di Shakespeare e stavano pugnalando un uomo! Questo è l’uomo che vado a salutare nei prossimi giorni.

Non posso che salutarlo ridendo.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Laif of Franek. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...