Luìs

Ovvero presentazione

Quando vado a mangiare dai nonni è sempre una festa. Così ero tutto contento di andarci qualche giorno fa. Quando arrivo noto che a tavola c’è un posto in più. Cerco di chiedere spiegazioni a nonno Lech ma lui mi dice

-Ma ma ma… ma guarda questi…questi…questi…io..io..io… io….ma come fai a dire una cosa del genere?!-

Io mi giro verso il televisore e sta parlando Maroni. Quando ci sono i leghisti di mezzo non si può parlare con nonno Lech. Allora vado dalla nonna.

-Ma chi aspettiamo?- mentre guardo al pentola dei Golabki famelico.

-Tuo cugino Luìs- dice lei

-Chi? Fruto?- il cugino iracheno! Ma che bella notizia!

-Già..- aggiunge la nonna.

-Ecchecivieneaffare? Non stava meglio a Damasco?-

-Chiediglielo.- mi dice lei indicando mio cugino Luìs Fruto Blutarsky che arriva con uno zainone sulle spalle e quattro macchine fotografiche al collo. Esco sulla finestra e urlo

-Luìs!- scuoto un braccio – Ciao bello! Da dove arrivi?-

-Dalla Cambogia!- mi dice lui sorridendo ed entra nel portone. Io vado ad aprirgli la porta.

Mio cugino Fruto è parte della diaspora dei Blutarsky. Figlio di un figlio di Lech, quindi mio zio, il padre ha deciso di andarsene in Iraq. Ai tempi in cui ci si poteva andare, mica dopo che ci abbiamo portato la democrazia. Un po’ come il sottoscritto, quando era piccolo la famiglia si è trasferita in Siria, a Damasco. Il giovane Fruto ha mostrato subito una spiccata sensibilità per la musica. Non appena adolescente ha fondato con altri amici gli Hurrìa o Harrìa ( che in arabo si scrive  الحرية e significa libertà) un gruppo rap, modello posse italiane, crescendo e studiando ha cominicato anche a girare per il mondo, si vede che in famiglia è genetico. Così facendo è diventato un vero esperto di musica e non si lascia scappare quasi nessuna chicca. Un’altra dote di famiglia, come vi raccontavo qui, è quella di scrivere, crescendo Fruto ha cominciato a collaborare con alcuni giornali scrivendo di musica e un po’ di quello che gli pare, anche questa una caratteristica di famiglia. L’ultima volta che l’ho visto è stato in Polonia al tempo del matrimonio di cui vi ho raccontato qui. Ovviamente non ci siamo visti molto , in generale, ma fin dall’adolescenza le poche volte ci siamo sempre divertiti un sacco. Poi lui ha anche imparato l’italiano, io non sono mai riuscito a imparare l’arabo per pigrizia, quindi l’ultima cosa che sapevo era che aveva trovato una collaborazione con La Syrie, un giornale siriano edito in francese a Parigi, è anche poliglotta, no non di Fuori Grotta, poliglotta.

Lui sale sorridendo le scale

-Fruto!- gli vado incontro

-Bluto!- dice lui lasciando i bagagli a mano e abbracciandomi.

-Ma che bello che sei venuto qui! Vacanza a trovare i nonni?-

-Non solo ma fammi entrare!- dice lui.

Lo aiuto con i bagagli e entriamo. Abbracci e baci con i nonni, la sua presenza è riuscita a distrarre nonno Lech dagli insulti ai leghisti, dez incredibol! Poi la nonna gli dice

-Vieni che ti mostro la stanza-

Io li accompagno

-Quanto ti fermi?-

-E chi lo sa?- mi risponde lui sorridendomi.

Io rimango sorpreso

-Come? Hai trovato lavoro qui?-

-Si e no, collaboro con La Syrie e scrivo di musica, in particolare italiana, mi fa comodo stare qui, per un po’…-

Lo guardo

-E vuoi stare qui dai nonni?-

-Non è facile trovare casa. Ovunque.-

-Cugino. L’hai trovata.-

-Si qui dai nonni per il momento, poi vedremo- dice lui

-No cugino. Non vorrai stare qui con questi amorosi vecchietti?- dico indicando una nonna gà sorridente -Tu vieni a vivere da me. Subito.-

La nonna ci guarda come dicendo ma che bravi nipotini, lui la guarda mi guarda, ci abbracciamo e poi ci mettiamo a tavola. I Golabki non si possono mangiare freddi.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Laif of Franek. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...