Conseguenze

Ovvero siamo tutti uguali di fronte ai pregiudizi

Io ho aspettato, anche se dentro mi montava tutto un discorso. Io ho aspettato perchè volevo essere sicuro e poter dire quello che penso a ragion veduta.

Tre carabinieri e un vigile urbano sono indagati per violenza su una donna di trentadue anni mentre questa era fermata per furto. La donna li ha denunciati e oggi i quattro sono stati indagati. Scandaloso.

Non voglio fare il maschilista codardo che quando sente queste notizie si lancia in accuse di pena di morte e via dicendo. Il problema della violenza sulle donne è un problema culturale che nella violenza ha solo la sua fase finale, la più terribile, ma come retroterra culturale risale fino ai cartelloni pubblicitari che pubblicizzano vestiti con donne che si alzano la gonna sopra il culo e lo mostrano. Insomma come retroterra culturale ha l’oggettivizzazione della donna. Se è un oggetto posso farne quello che voglio.

Questo problema, questo dramma culturale, è condiviso da uomini di diverse estrazione sociale, religione e nazionalità. Infatti solo qualche giorno fa una ragazza ha denunciato tre somali per stupro. In quell’occasione però, come in altre che avevano per protagonisti degli stranieri, è iniziata una campagna mediatico-politica per denunciare il rischio che fanno correre alle nostre donne, non conosco oggettivizzazione maggiore, i somali e i romeni, gli albanesi e i tunisini. Il sindaco di Roma, Alemanno, ha chiesto l’espulsione di tutti i somali, che vivevano come bestie, dimenticati dal nostro stato (sono rifugiati politici quindi non clandestini, abbandonati a vivere in un palazzo fatiscente); la Lega Nord ha tuonato contro i romeni, fuori tutti! Si urlava. Sicurezza nelle nostre strade! Si urlava. Io dico va bene.

Si va bene, adesso però  sciogliamo il corpo dei carabinieri e dei vigili urbani. Io chiedo che il presidente della Repubblica dica:

-Dati i gravi fatti intercorsi, non potendo più garantire la sicurezza dei cittadini, essendo diventati una minaccia per i cittadini, il corpo dei Carabinieri e di Polizia Municipale, sono sciolti. Non esistono più.-

Pussa via! Senza considerare Cucchi, Aldrovrandi, Giuliani, Zibecchi, Sandri, le violenze a Napoli, dove nel marzo del 2001 addirittura alcune ragazze furono sverginate con i manganelli, le violenze di Genova del 2001, la scuola Diaz, insomma le storie le conosciamo. E coinvolgono anche la Polizia di Stato

No scusate, ma io non ce la faccio a fare di tutta l’erba un fascio, io non credo che tutti i tutori dell’ordine siano degli orchi. Nella mia vita ho incotrato più di un poliziotto con il quale è stato piacevole confrontarsi e che era sinceramente democratico, però a questi va chiesto qualcosa di più, al sindacato di polizia della CGIL, il SILP, va chiesto di schierarsi. Di dire esplicitamente che queste violenze non sono diverse da quelle commesse dai criminali e che da una ventina di anni il controllo dello stato sulle forze di polizia si è allentato, il che è tutto dire, e questo ha permesso ad alcuni dirigenti di sentirsi ancora negli anni ’70 o quantomeno di sentirsi impuniti. Altrimenti poi si finisce con la contrapposizione e allora so già da che parte stare.

Purtroppo ho questa convinzione, che nella storia le grandi rivoluzioni vittoriose hanno visto al fianco soldati, poliziotti e civili, perché i tutori dell’ordine escono dal popolo, è che a volte, tutti noi, ce lo dimentichiamo, ma fin troppo spesso se lo dimenticano loro.

 

 

 

 

PS in realtà non chiedo lo scioglimento perché quando è stato bombardato l’Afghanistan per cercare Bin Laden, avevo chiesto il bombardamento del Giappone per cercare Delfo Zorzi ma non mi hanno ascoltato. Ci sono rimasto male.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Laif of Franek, serietà e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Conseguenze

  1. Dario ha detto:

    Sottoscrivo ogni parola.
    Aggiungo solo che il fatto che è molto più grave che atti illegali siano fatti da coloro che dovrebbero perseguirli, perchè si perde proprio il senso dello stato di diritto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...