Bullà

Ovvero sto guardando troppo Romanzo Criminale

Ogni quartiere ha le sue storie di risse. Oddìo non so se nel Belquartiere et simila ci siano, di solito è stato qualcuno dal Quartieraccio a provocarle, dicono loro, comunque rimango dell’idea che ogni quartiere ha le sue storie di risse e il Quartieraccio ha una Bibbia un’Odissie una Guerra e pace di risse, pagine e pagine e pagine vergate a suon di calci, pungi e cinghiate. Ma ce ne è una mitica, in ogni quartiere quindi anche nel Quartieraccio.

Una volta qui c’era una banda di bulli che controllava tutto il quartiere. Io ero piccolo ma me lo ricordo. Erano in tanti e andavano in giro per il quartiere a prendersi quel che gli pareva. Potevano permetterselo perchè avevno sconftto un’altra banda di bulli, anche loro del Quartieraccio, con la quale per un po’ si eano divisi la zona, in due parti speculari, poi quando i primi hanno capito che i secondi stavano cedendo hanno sferrato il colpo di grazia e questi sono scomparsi. Rimasti solo loro andavano in giro a fare il bello, anzi, il brutto e il cattivo tempo. Un giorno nella loro banda entrarono alcuni membri, alcuni erano molto più giovani altri erano fratelli minori di quelli dell’altra banda. Per un po’ tutto trascorse sereno, per loro, non per il Quartieraccio. Prendevano e depredavano, spoaccavano e sfasciavano. Un giorno però successo che uno di questi bulli venne a sapere che era in corso una rissa un po’ più a sud di dove stavano loro. Seppe che in ballo c’era un tipo con il Woolrich, e lui voleva il Woolrich! Corse dagli altri millantando cellulari, monete, catenine e soldi e in massa si fiondarono sul luogo della rissa. Quando arrivarono rimasero un poco interdetti. C’era solo il Woolrich da prendersi, niente più, cominciarono a guardarsi in cagnesco. Ma ormai la rissa sembrava quasi terminata, quando uno dei ragazzi presi nella rissa, si interruppe per salutare uno dei “nuovi” tra i bulli. Tutti lo guardarono strano ma non ci diedero peso. Ad un certo momento uno di loro, un italo-qualcosa di nome Gerard disse

-Oh il Woolrich è mio- e partì a menare fendenti con le mani.

Però usccesse che alcuni dei “nuovi” non erano d’accordo, che volevano anche loro il Woolrich e così protestarono.

-E così non si fa! Eh oh! Oh eh!-

Tutti quelli che erano partiti cappresso a Gerard si fermarono e ne nacque una discussione, accessa, sempre più accesa, accesissima. Sembrava quasi che stessero venendo alle mani. E così successe e quelli che fino a qualche minuto prima erano amici si menarono di brutto, per tre giorni senza mai fermarsi, senza che nessuno riuscisse a fermarli. E poi per tre notti, e poi ancora per tre giorni.

Fu la rissa più grande che il quartieraccio vide. E la vide bene.

Oggi non ricordiamo chi la vinse ma non ci liberammo dei bulli.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Laif of Franek, Storie. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...