Eppi end (?)

Ovvero figliare

La domenica è bello non fare nulla, stare li sdraiato e zappingare da un canale all’altro fino alle quattro e poi uscire fino a tarda sera che fa caldo e la birretta con gli amici ti lascia un sapore diverso. Così ho fatto.

Click. A volte mi sveglio la domenica mattina e me ne sto lì, sdraiato, al suo fianco, a pensare. Si può pensare a fare famiglia, in un mondo come questo?

Anche io me lo sono chiesto e forse correvo troppo, infatti poco dopo è corsa via lei. Io ho provato a inseguirla ma ho sbattuto il mignolino del piede contro lo spigolo del letto e sono rimasto lì, ad insultarmi. Ma comunque si può pensare una cosa simile quando la stragrande maggioranza della mia generazione, ovvero quella che un già oggi dovrebbe mantenere chi ha lavorato e chi ora sta nascendo, come è giusto che sia, non ha speranze se non quella di ribellarsi?

Poco dopo, mentre mi facevo una doccia, ho acceso la radio. Lì si è fatto l’elenco di tutti i beneficiari della riforma epocale del nostro amato premier, che potrei anche insultare e scrivere che è un piduista, corrotto e corruttore, tanto il premier in Italia non è una carica esistente. Comunque dentro c’erano tutti da Cragnotti a Tanzi, dai furbetti del quartierino a Moggi, da Berlusconi ai proprietari della Eternit che continuano ad ammazzare uomini e donne, lavoratori e non, a Casale Monferrato, e via dicendo. Ho pensato, mentre mi insaponavo le orecchie, che hanno ragione quelli che dicono che questa riforma non è solo per Berlusconi, detto dagli amici il premier. Non è solo per lui, hanno ragione. I vantaggi saranno per lui e per tutti quelli come lui che, usando un termine poco in voga, detengono le leve del potere economico, il capitalismo è ciò che sta “dietro” alla politica e in momenti di crisi deve rimangiarsi le regalie che ha fatto quando di soldi ce ne erano molti di più. Via i diritti, via il posto fisso, via la scuola, via tutto, perchè siamo in crisi e siccome l’unica cosa che conta sono i bilanci delle aziende, allora via tutto quello che limita i dividendi. Dicono che, così facendo, ripartirà l’economia, in effetti è quello che è successo negli anni ’50, prima si sono accumulati un sacco di sghei con la ricostruzione poi hanno fatto piovere qualche briciola sulla popolazione che aveva pagato sacrifici ben superiori dei loro, durante la guerra E durante la ricostruzione. Pensavo e pensavo che penso troppo e me la sono lasciata scappare e allora ho pensato ad altro ancora. Per distrarmi. Solo che mi sono distratto troppo e così allungandomi per prendere l’asciugamano per asciugarmi sono scivolato  nella doccia, ho preso una botta esaggerata all’osso sacro e ho infradiciato completamente l’asciugamano, così non avevo nulla con cui asciugarmi. Allora ho pensato che era meglio rimettermi sotto la doccia, così per vedere se fossi riuscito a lavare via la sfiga.

Una volta, nuovamente, sotto l’acqua ho pensato che godo per la vittoria della Lega Ticinese nelle elezioni che si sono tenute nel Canton Ticino. Si godo. Perchè c’è sempre qualcuno più a Nord che pensa che tu sia un terrone, che rubi il lavoro, chissà cosa ne pensano i leghisti. Probabilmente pensano che si sbagliano, i ticinesi dico mica loro, che noi andiamo lì a lavorare mica come i negri che vengono qui. Comunque io un po’ godo. Ma forse è perchè sta mattina ci ho le palle girate. E mentre penso che addavenì Cipputi, esco ancora dalla doccia. Ma sono ancora senza asciugamano, non è che ne arriva uno asciutto da solo.

Allora esco dalla doccia e infradiciando tutta casa, vado a  prendermi un asciugamano pulito e asciutto arrivo in camera e vedo un pacchetto di cerini che mi ha lasciato, da poco era tornata da un viaggio a Londra. Il pacchetto aveva disegnata la bandiera del Regno Unito. E ancora prendo un corso di pensieri diverso da quello che istintivamente seguirei.

Il giorno del matrimonio del principe e della principessa in un sacco di scuole inglesi gli studenti lo replicheranno in una messa in scena. Ecco una volta ho discusso con un amico perchè lui sostanzialmente diceva che nessuno dovrebbe criticare nessuno, per meglio spiegarmi: motivava che gli inglesi sono razzisti, e su questo ha ragione come minimo si sentono talmente superiori a tutti che appaiono così, e quindi pensassero di più al fatto che nel duemilaedieci hanno ancora la regina e meno al nostro Silvio; io ribattevo che loro possono criticare se hanno da criticare, e vedi un po ‘ se non ne hanno, ma che quello che mi infastidisce è che tu non puoi criticare loro. Se vuoi criticare fai pure, ma non essere ottuso quando ti critico io, altrimenti si che sei un razzista. Ecco detto questo, se far recitare il matrimonio di un Re e di un Regina, non è una maniera per far immedesimare la popolazione nel potere e distrarla dalla rivendicazione dei propri diritti, io non so cosa sia. Noi in Italia avremo le televisioni che sono tutte di Berlusconi, ma mi sa che all’estero, prova a parlar male della corona in Inghilterra, non stanno così bene come noi diciamo.

Ecco tutti questi pensieri, pensavo, ed erano tristi pensieri. Poi però ho avuto un’illuminazione quando è suonato il campanello e mi dirigevo verso la porta. Si, oggi è giusto mettere al mondo un figlio, perchè dovrà crescere con l’idea che sto mondo si può cambiare non importa come e quando questo starà a lui o lei ma dovrà credere possibile che le cose cambiano altrimenti nulla cambierà mai, che quelli della mia generazione già non ci credono più. Ho aperto la porta.

-Forse corri troppo-

-Forse no-

Poi ho spento la tele che il film melenso della domenica pomeriggio su Canale Cinque mi aveva rotto le palle. Erano solo le due e dieci ma sono uscito lo stesso.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Laif of Franek. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...