Guarda là!

Ovvero crederci.

Guarda, guarda, un ramo!

Siamo un paese di creduloni. Non è soltanto il fatto che una parte di noi crede che un uomo dia 85.000 mila euro a una ragazza, che crede maggiorenne e nipote dell’uomo più ricco d’Egitto, per non farla prostituire, che se questa ragazza fosse così disperata chiederebbe aiuto allo zio, salvo poi chiedere di affidarla in qualità di minore a una igienista dentale con la passione per spogliarsi in tele, che la scarica ad una prostituta. Non è solo questo. E non è nemmeno il fatto che buona parte di noi crede che esista un omone con la barba in cielo che detta le regole di vita di una comunità e che per amore è disposto ad ammazzare e far ammazzare più o meno chiunque. Tanto meno che la stessa quantità di persone crede che uno che muore, poi risorge. Insomma non è che solo quelli che tutti sappiamo essere dei creduloni lo sono.

Per esempio, tenetevi forte, il terremoto in Giappone è opera degli americani. E questa già mi sembra bella, che hanno una campo di antenne che sparano, dove la CIA vuole, delle onde in grado di causare terremoti.

Forse abbiamo fatto incazzare gli ammericani ma con noi sono stati più gentili, a noi ci hanno avvisato. A Roma ci sarà un terremoto l’11 di maggio. Ma qualcuno lo aveva già previsto, forse è per questo che gli americani hanno fatto trapelare la notizia. Non male saperlo in tempo, comunque. Poi c’è la storia dell’apocalisse, ma questa rientra nelle credenze medioevali di cui sopra, e quella dei Maya, che invece ha spopolato proprio perchè non è cattolica. A me l’hanno spiegata in molti. Ha una trama comune ma poi ognuno ci aggiunge particoalri che la rendono sua, e solo sua, una volta è l’alineamento dei pianeti, una volta è la luna, un’altra le costellazioni. Infine chiaramente ci sono gli alieni, a cui io personalmente credo visti quanti sono i pianeti nello spazio poi che siano arrivati fino a noi deve essere stata una bella botta di culo visti quanti sono i pianeti nello spazio. Gli alieni sono il deus ex machina dell’era moderna. Secondo Columbro arriveranno e in un quarto d’ora puliranno via tutto l’inquinamento e ci daranno un pezzo di DNA in più.

Comunque tutte ste storie, esclusa quella del signore arrapato che è una storia vera, hanno secondo me in comune due cose: 1) internet; 2) la fine distruttrice e redentrice;

1)ormai si sa che anche i giornalisti pubblicano un articolo solo se lo dice internet e in particoalre feisbuc;

2) quando una civilità arriva al suo apogeo, lo sente, anche se non si sa con certezza, si percepisce. Esattamente come gli intellettuali romani dell’età imperiale ben prima delle invasioni dei barbari, cantavano di cadute, distruzione, e si chiedevano cosa ci potesse essere di più di centinaia di navi che affollavano il porto di Roma; così accade oggi, oggi che ci rendamo conto che non è che possiamo continuare a consumare in questo modo, ma non abbiamo il coraggio di dirci che noi per primi dobbiamo consumare meglio, che siamo in molti senza futuro e lavoro ma che continuiamo a vivacchiare.

E quindi giù morte e distruzione, nei film, epperò anche noi che ci crediamo a ‘sti Maya di Alfa Centauri, forse non è che vogliamo dirci che non ne possiamo più del mondo che viviamo e che vorremmo vederlo diverso?

E non basterebbe provare a cambiarlo?

Ps oggi il governo ha cancellato il programma nucleare. C’è da essere contenti o preoccupati per il quorum? Così, anche visto che l’effetto Fukushima non c’è più, ci sono altri referendum che rischiano di non raggiungerlo, il quorum. Lo Tsunami è stato causato dai produttori di acqua in bottiglia.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Laif of Franek, serietà. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...