Cose della settimana

Ovvero TeleTrebisonda straich bech

Buonasera cari, pochi, telespettatori.

Non sapevamo questa sera cosa trasmettere, volevamo mettere un film di Totò ma le pellicole si sono consumate e quindi non si vede nulla e si sente solo il principe de Curtis che dice UèUè! Allora abbiamo pensato a una puntata di Tessas Renger ma Ciach Norris ci ha tirato un pugno perchè si è stufato persino lui di vederle. Allora abbiamo invitato una squadra locale a giocare una partita in diretta, ma solo la Dinamo Quartieraccio si è resa disponibile e solo il Pontemammolo di Terni avrebbe accettato di sfidarla, ma volevano pernottare in albergo e non in ostello e non potevamo permettercelo. Quindi cosa abbiamo fatto? Abbiamo chiamato Blutarsky e gli abbiamo affidato una rubrica. Non guardatela tanto le cazzate…ehm… no volevo dire rimanete sintonizzati al nostro canale che ora Blutarsky vi farà un elenco delle cose successe nella settimana,

a presto, speriamo.

Buona sera cari telespettatori… (ah! l’ahnno già detto? vabbè ma questo è il mio programma!) e bevenuti a Bainait. Essendo oggi venerdì faremo una piccola rassegna delle notizie più importanti della settimana.

Lunedì la signora Olinda ha smarrito le chiavi del box e il suo micino è rimasto chiuso nella macchina, con la quale la signora lo aveva portato dal veterinario per una visita di rùtin, per ore. Fortunatamente il signor Giorgio, figlio della signora, per sera è arrivato con la copia delle chiavi salvando il povero micino.

Ennesimo caso di discriminazione in Lombardia, in tutti gli uffici regionali dovrà essere apposto un crocefisso. Ancora una volta ignorato il fatto che ci sono anche persone razionali che non credono in Dio in Italia. Oltre che chiaramente ad altre confessioni religiose, che però sempre superstizioni sono.

Votato l’arresto per l’On. Papa, non per l’onoervole Tedesco. Tutti pensano sia perchè uno è del PDL, mentre il secondo del PD. In realtà è perchè Tangentopoli è cominciata con l’arresto di Chiesa e non volevano uscire dal seminato. Anzi dal seminario.

Indagato anche l’onoervole Penati. Ha dichiarato di non ricordarsi ciò che è accaduto così tanto tempo fa, ovvero quando era sindaco di Sesto. D’altronde quando uno è stato in vacanza fino ad oggi. Comunque secondo i più questo dimostra che rubano tutti a destra e sinistra, un tempo si diceva a manca e la si faceva finita. E poi non è vero che rubano tutti a destra e a manca, al massimo al centro. E una coalizione di centro-manca, manca.Meglio farne una di manca e basta?

Ok, basta, nel senso che la smetto.

 

La Dinamo Quartieraccio ha fatto grandi acquisti. Dalla Lokomotiv Budriel è arrivato il portiere Koprotkin. Dal Milan è arrivato il giovane talento Soffoconen per 560 milioni, di euro del monopoli. Galliani ha dichiarato: -Tanto De benedetti è un pirla e non se ne accorge-

“Piano Marshall” per la Grecia. Il piano Marshall avrebbe dovuto rilanciare l’economia dell’Europa dopo la seconda guerra mondiale. Questo ri-lancerà i greci dalla Monte Taigeto.

Però questo un beneficio lo ha già portato un sacco di greci si sono iscritti a storia antica e archeologia, per capire che cosa e dove sia il monte Taigeto. Proprio vero che in momenti di crisi si riscoprono le proprie tradizioni.

La Lega Nord ha ufficialmente confuso il fatto di essere in coalizione di maggioranza con l’appoggio esterno al governo. Ma d’altronde al bar di Pontida avevano previsto bombe sui negri, sui terroni, sui romeni, sui comunisti. Mica di governare un paese.

Infine la Federazione della sinsitra va a Conresso, o Rifondazione va a congresso, confesso che non l’ho ben capito. Una delle mozioni è presentata da Enrico Fermi sulla scissione dell’atomo.

Il PD lancia la campagna di opposizione estiva: si ma a settembre ma anche no.

Ho comprato GQ questa settimana, c’era una intervista a Vendola che parlava ai fratelli omofobi, ma io me ne sono accorto dopo aver letto l’articolo dove c’erano le cameriere con le tette al vento.

QUalcuno dica a Repubblica che Pippa Middleton non è una persona importante.

E poi Repubblica non è quella che lancia le campagne contro il sessismo di questo governo? E allora perchè sulla sua colonna laterale ci sono sempre tette e culi al vento?

Dettto questo Il vostro Blutarsky vi saluta e vi da appuntamento alla prossima.

 

 

 

Ah nO!

Questa settimana cade il decennale dei fatti di Genova. Io nel 2001 non c’ero. Per due motivi: 1) militavo in un gruppo politico che non si rivedeva in quelle modalità di lotta, Lotta Comunista sta aspettando l’avvento della rivoluzione così come gli Ebrei stanno aspettando il messiah. 2) i miei mi hanno regalato un viaggio a Creta per il mio diploma, mi avevano bocciato i due anni precedenti, per, ho scoperto dopo, mandarmi lontano da Genova. Mi sono poi pentito di non esserci andato? Si e no. Si perchè avrei dovuto esserci, no perchè così mi sono evitato le manganellate, che se posso comunque me le evito. Sincermanete non faccio l’esteta della violenza, se serve la si usa, se posso evitarlo, lo evito. Detto questo: la morte di Carlo Giuliani mi ha profondamente colpito, al punto da convincermi che era necessario abbandonare il partito dove stavo. Di cominciare a non sentirsi superiore agli altri. E da quel di, sono passati dieci anni anche per me, la mia vita è cambiata. Domqni prenderò l’aereo da Trebisonda per Genova. CI vado, perchè quello è un momento fondamenale della nostra storia, personale e civile. Ci vado perchè si chiude, a mio avviso, un ciclo che dobbiamo riaprire di forza, ripeto nessun estetismo della violenza, si fa come in Val di Susa se serve ma solo se serve, ma un nuovo ciclo va riaperto. La morte di Carlo Giuliani, e gli errori che ho commesso dopo, sono una delle lezioni politiche più importanti che abbia ricevuto. Non ero suo amico, non lo chiamerò solo Carlo per questo, non l’ho mai visto. Ma ciò che ho ricevuto da lui e l’idea che, indpendentemente da come si esprimano, le proprie idee vanno espresse, anche a costo di rimanere soli.Sono passati dieci anni, sono tanti ed è importante riflettere su come ci siamo comportati in questi anni, per capire dove, al di là delle evidenti colpe di uno stato solamente repressivo, dove abbiamo sbagliato. Perchè se fossimo stati perfetti e l’arretramento, l’inabissamento di certe lotte e situazioni dipendesse solo dalle violenze poliziesche, allora dovremmo solo aspettare che le cose cambino.Per certi versi abbiamo aspettato ma non è cambiato niente. Ma io con le mani in mano non ci so stare.

A domani.

Franek Bluto Blutarksy

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Bainait e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...