Rompi escatologismi

Ovvero di red ronni di maia e di quel che mi va

Basta. Il mio spirito critico si ribella alle fandonie (io sto cercando di contenere gli i termini offensivi epperò caz..!) che ho sentito negli ultimi giorni. Ma per prima cosa si ribella anche all’utilizzo osceno della rete, come questo. Magari era un vecchio che voleva soltanto ricordarsi di quando andava a scuola ed era giovane, lo avevano soprannominato maniaco, magari lo era ma non si sa se fosse un attentatore, una notizia inutile che serve solo a questo sito per avere più clic, in maniera assolutamente speculare a tgcom, in effetti entrambi hanno speculato. Non basta un videofonino per fare il giornalista. Le nuove tecnologie sono sicuramente utilissime per rendere più democratico l’accesso ad alcune professioni, dopo di che se non lo sai fare o se lo fai senza morale, rimani comunque un pessimo giornalista e se sei solo uno che si crede tale finisce che, per farti cliccare di più, avvalli la caccia al capro espiatorio. Visto che si parla anche di possibile strategia della tensione, non si usano mai due volte le stesse definizioni storiche ma è per intenderci, direi che questi interventi sono da Uomo Qualunque e non da giornalista democratico. 

Ecco e poi in un escalescion di assurdità c’è l’escatologia contemporanea a piombare sul terremoto dell’Emilia-Romagna. Allora l’escatologia si occupa del destino ultimo dell’uomo, la vita oltre la morte e quella che viene chiamata apocalisse, ogni volta che l’uomo sente di essere giunto a una svolta fondamentale la tira fuori. 

Negli anni intorno al Mille, ci fu un’epidemia, gente che era talmente convinta dell’arrivo della fine del mondo, dell’Apocalisse della Bibbia proprio, che si dedicava anima e corpo solo a salvarsi e salvare gli altri, ma tanta mica poca. Sta arrivando l’apocalisse dicevano gruppi di monaci che andavano in giro a frustarsi per fare penitenza ed essere certi che sarebbero andati in paradiso.

La versione contemporanea di questi signori che annunciavano l’Apocalisse ha in questi giorni portato a dire che: 1) il terremoto sarebbe stato previsto dai Maya; 2) il terremoto sarebbe stato causato dalla Nato per distrarci dall’attentato a Brindisi. 

Ai secondi basterebbe dire che, come minimo, le forze del male e Darth Veder non sono riusciti nel loro intento. Che sta storia della Nato in grado di causare i terremoti è da un po’ di tempo che gira ma o usano teorie scientifiche per dimostrarla, oppure utilizzare cose “strane” apparentemente poco spiegabili (solo perché la Nato non dice cosa ci sia in un campo in Alaska non vuol dire che in quel campo ci sia Mazinga o la Morte Nera) e sopratutto sono anni che viene detta sta roba: dal primo Tsunami, all’ultimo, fino al nostro terremoto. Ma andate a cercare gli alieni nel deserto. 

Ai primi che sta storia dei Maya ha davvero un po’ annoiato, che mi stava più simpatico fantasticare sugli alieni o Nostradamus, per il semplice fatto che era più credibile (da qualche parte nell’universo è probabile che ci sia un’altra forma di vita ma non è probabile che sia giunta fino qui; Nostradamus ha lasciato qualcosa di scritto) sta profezia dei Maya come è stata decifrata? Chi l’ha decifrata? I Maya hanno vissuto contemporaneamente ai Mexica? Chi sono i Mexica per la storiografia occidentale? Se sapessero rispondere, senza consultare uichipedia, ad almeno una di queste domande, la mia stima per loro aumenterebbe sensibilmente (almeno avrebbero letto uichipedia, ma comunque solo quel chi gli avrebbe fatto comodo per non doversi confrontare con la realtà)

Ecco, il mio spirito critico si è stancato, questo è l’ultimo post su ‘ste assurdità, degne più di un cattolico medioevale, si lo so che è una tautologia ma intendevo quelli del medioevo. Se avete paura di qualcosa, sappiate che tutti ne abbiamo, il futuro non è certo roseo, le nuvole si addensano all’orizzonte, ma non sono i Maya, è la classe dominante che ogni volta che satura i mercati ha bisogno di una guerra. Se avete paura non nascondete la testa sotto la sabbia e impegnate questo timore come spinta per un impegno civico, sociale e politico. L’unica cosa che può evitare la guerra e farci uscire dalla crisi. Sempre che non sia troppo tardi. E che i rettiliani non si siano impossessati anche di voi. 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Laif of Franek e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Rompi escatologismi

  1. Ecco questa è una riposta interessante che i Maya avessero studiato la tettonica a zolle meglio di noi? http://www.ilpost.it/2012/05/21/le-cause-del-terremoto-in-emilia/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...